Bonomo Ribassi De' Pelliccioli

Nel fondo Imperial Regio dell'Archivio di Stato di Bergamo, all'interno della busta 1294 "Beneficenze" relativa al Comune di Alzano, è stata trovata in data 29 maggio 2018 una pergamena di circa 4 metri di lunghezza. Tale pergamena riporta il testamento di "Bonomus Ribassi de Plizolis" rogato il 31 gennaio 1488 ad Alzano Superiore dal notaio "Nicholaus filius quondam Bertholomeus Buri de Zi[cuchis]". Bonomus, dopo aver lasciato disposizioni per la spartizione dei suoi beni tra la moglie Gisola, i figli Iohannes, Antoninus, Agnesina e infine il fratello Iohannes e i nipoti, lasciò in beneficienza alcune terre alla Misericordia di Alzano Superiore. L’ente caritativo fu fondato negli anni venti del XIV secolo ispirandosi alla Misericordia Maggiore di Bergamo. Intorno al 1488 la Misericordia di Alzano si separò da quella di Nembro più o meno in contemporanea con la separazione dei due comuni. Bonomus dispose, come legato testamentario, che la Misericordia elargisse in perpetuo 10 pesi di sale all'anno agli abitanti di Alzano Superiore.

 Nella  primavera del 1829 i membri del Direttorio della Misericordia, il parroco Pietro Gritti, l'amministratore Gottardo Ricci e il deputato Domenico Tombini, scrissero alla Delegazione Provinciale di Bergamo in merito alla distribuzione del sale. L'ente assistenziale si trovava infatti in difficoltà, dato che la quantità di sale a sua disposizione (40 pesi bergamaschi) non bastava per coprire il fabbisogno  dei 400 abitanti di Alzano. I tre membri proposero di ridurre la quantità di sale distribuito e di elargirlo solo ai poveri.

A partire da marzo 1829 si avviò una fitta corrispondenza tra il Deputato Politico Tomaso Scarpellini della Delegazione Provinciale di Bergamo e G[iusepp]e Ambrosioni, Commissario Distrettuale di Alzano Superiore.  Il giorno 11 aprile 1829 il Commissario Ambrosioni inoltrò il testamento quattrocentesco di Bonomo ai suoi superiori a Bergamo. Costoro sospesero, in via precauzionale, la distribuzione del sale nel mese di aprile in attesa di una decisione definitiva. A inizio maggio la Delegazione Provinciale di Bergamo ordinò al Commissario Ambrosioni di procedere con la distribuzione del sale secondo la prassi tradizionale, che si verificò regolarmente il giorno 6 maggio.

Scheda tecnica:
Fondo: Imperial Regia Delegazione provinciale di Bergamo

b. 1294

Titolo: Alzano luoghi pii elemosinieri

Alzano Superiore

17 marzo - 21 agosto 1829, antecedente 1829

Descrizione: Corrispondenza con il Direttorio della Misericordia Superiore di Alzano Superiore, composto dal parroco Pietro Gritti, dall'amministratore Gottardo Ricci e dal deputato Domenico Tombini, in merito all'adempimento del legato disposto da Bonomus Ribassi de Plizolis con testamento 31 gennaio 1488, proposta di riduzione della distribuzione di sale ai soli poveri anziché all'intera popolazione a causa della scarsità di scorte, esame del testamento in data 11 aprile e istruzioni per la prosecuzione della dispensa del sale a tutti gli abitanti come disposto per legato.

Consistenza: cc. 16, pergamena 1

Allegato:

Titolo: Testamentum Bonomi quondam Z[anini] Ribassi de Plizolis

Alzano Superiore, 31 gennaio 1488

Regesto: Bonomus, dopo aver lasciato disposizioni per la spartizione dei suoi beni tra la moglie Gisola, i figli Iohannes, Antoninus, Agnesina e infine il fratello Iohannes e i nipoti, lasciò in beneficienza alcune terre alla Misericordia di Alzano Superiore, disposendo come legato testamentario, che l'ente caritativo elargisse in perpetuo 10 pesi di sale all'anno agli abitanti di Alzano Superiore. Atto rogato da Nicholaus filius quondam Bertholomeus Buri de Zi[cuchis], Guelminus Croti de Grigis e Bartolomeus Iohannis B[ar]toli notai di Bergamo.

Composizione: 11 pezzi di pergamena cuciti

Misure: 17,5 x 400 cm

Stato di conservazione: Buono

Progetto: Mauro Livraga

Coordinamento scientifico e realizzazione: Andrea Oldani

Referenze fotografiche: Andrea Oldani

Referenze informatiche: Carmelo Ventre